Semalt - Come ripristinare il tuo sito dopo le penalità di Google

Qual è la prima regola per gestire le sanzioni di Google? Non lasciare mai che il tuo sito arrivi al punto in cui ne ottiene uno. Tuttavia, si verificano penalità e quindi cadono le classifiche e il traffico. Molto spesso succede tutto senza accorgersene fino a quando non è troppo tardi. In entrambi i casi, questi problemi lasciano gli imprenditori devastati.

La prima cosa che viene in mente al proprietario del sito è "Questa è la fine". Raggiungere la parte inferiore dei risultati di ricerca di Google significa dover ricominciare tutto da capo, il che richiederà più tempo e denaro di quanto un webmaster medio possa permettersi. Principalmente, non sono sbagliati. Il recupero dalle penalità di Google è un processo lungo poiché devi aumentare le tue classifiche e ripetere la tua lunga strada verso i risultati di ricerca TOP. Non c'è modo di aggirare questa fase: non se si desidera ottenere un'altra penalità di Google alla fine.

Sebbene sia possibile il recupero dalle penalità, Semalt , un'agenzia SEO europea, avverte ogni utente che non esiste una strategia definitiva o un trucco vincente, che riporterebbe rapidamente le posizioni del sito alla normalità. In ogni caso, devi costruire una strategia individuale incentrata sulla rimozione dei lati deboli e difettosi, che ha portato il sito alla sua rovina e sul miglioramento dei suoi aspetti più forti per estrarre la fonte web dal fondo dei risultati di ricerca.

L'esperienza degli esperti SEO di Semalt che lavorano con i proprietari di siti colpiti da una sanzione ruota principalmente attorno ai casi di persone che hanno sofferto di agenzie SEO truffe e black hat con cui avevano lavorato prima di passare a Semalt. Tali proprietari di siti sono rimasti del tutto inconsapevoli del danno arrecato dai professionisti di Black Hat SEO fino a quando le classifiche non sono iniziate a cadere e hanno rovinato tutti i tentativi che sono stati raggiunti a causa degli sforzi di Semalt.

Nonostante la situazione sembri davvero frustrante, gli esperti rassicurano che c'è un modo per tornare indietro. Un lungo, complicato, ma reale ritorno.

Vai alla radice del problema

Se la notifica ufficiale di Google non chiarisce molto, consulta le Linee guida per i webmaster di Google per ulteriori informazioni sul motivo per cui Google ti ha vietato. Se non hai ricevuto alcuna notifica, vai a Cronologia delle modifiche dell'algoritmo di Google e verifica se sono state applicate modifiche all'algoritmo nel momento in cui hai iniziato a riscontrare la perdita di classifiche: questa è una delle cause più comuni di traffico e calo delle classifiche.

Un suggerimento personale di Semalt è quello di controllare i backlink che conducono al tuo sito non appena l'utilizzo di backlink di scarsa qualità è la violazione più comune delle linee guida di Google e molti proprietari di siti spesso ne sono completamente ignari.

Rimuovi backlink di bassa qualità

L'algoritmo Penguin è quello che rileva backlink errati e punisce i siti Web che li distribuisce. Puoi accedere ai tuoi backlink tramite Strumenti per i Webmaster di Google . Il percorso verso di loro si trova nel traffico di ricerca → Collegamenti al tuo sito → Chi collega di più → Scarica gli ultimi collegamenti . Da lì, sarai in grado di vedere tutti i collegamenti che fanno riferimento alla tua fonte web. Da qui inizia la monotona procedura di controllo dei siti Web. Questo è il motivo per cui molti utenti preferiscono lasciare questo compito agli esperti SEO professionisti o avvalersi dell'assistenza di strumenti di tracciamento dei backlink, che forniscono più dati su ciascun link.
La parte marcia del succo di collegamento di solito consiste in:

  • Fonti Web vietate da Google;
  • Siti non correlati alla nicchia del tuo sito;
  • Siti di spam;
  • Siti con contenuto maturo o grafico;
  • Pagine della porta;
  • Sito che utilizza tecniche di occultamento;
  • Siti web con contenuti duplicati.

Dopo aver eseguito l'analisi dei backlink e aver definito quelli difettosi, è necessario sostituire immediatamente i backlink errati con backlink di alta qualità provenienti dalle fonti Web di autorità appartenenti alla nicchia pertinente. È meglio farlo con l'assistenza di un esperto di link building professionale. Tuttavia, prima di poter procedere con la procedura di sostituzione, è importante sbarazzarsi delle pecore nere. Questo è come lo fai.

Scrivi un'email al webmaster

Di solito, qualsiasi webmaster ha i propri dati di contatto in Contattaci o Chi siamo, quindi inviare loro un'e-mail educata, in cui si chiede di rimuovere i propri collegamenti e mostrare esattamente su quale pagina si trova il collegamento, non sarà un problema. Assicurati, tuttavia, di non inviare più richieste come a) se il webmaster non risponde al primo, tutti i successivi saranno inutili, b) ti atterrerà direttamente al filtro antispam.

Se è stato interessato il sito Web della tua azienda, utilizza l'indirizzo e-mail della tua azienda e non @ gmail.com per dare più peso alla tua richiesta. Per liberarti dalla monotonia di selezionare le caselle Entrate, utilizza gli strumenti di tracciamento e-mail e i plug-in di Google per organizzare il tuo lavoro con le richieste e-mail e aiutarti a risparmiare tempo. Più chiaramente puoi vedere quanti webmaster aprono le tue e-mail e quanti di loro non si preoccupano di rispondere, prima puoi procedere con i rapporti Disavow.

Nota, se il webmaster non rimuove i link o offre di farlo per il pagamento, ignorali e avvia la procedura di Disavow.

Rinuncia a domini errati

Utilizzare lo strumento di monitoraggio del backlink per raccogliere i backlink in un report Disavow. Strumenti come Monitor Backlink consentono di aggiungere tag per collegarli e quindi sistemarli in un'unica categoria. Lo strumento consente inoltre di esportare tutti i backlink con tag in un report, che può essere caricato nello strumento Disavow Links .

Quindi, fai clic su Disavow Links .

Ricorda: lo strumento Disavow Links è l'ultima risorsa. Usalo solo quando hai esaurito tutte le altre misure e non hai altri mezzi per sbarazzarti di backlink di scarsa qualità. Inoltre, questo strumento non promette risultati rapidi: l'aggiunta di modifiche all'indice richiede tempo e, successivamente, anche il bot dovrebbe approvare queste modifiche.

Contenuto duplicato

Questa è un'altra causa del divieto di Google e un risultato della collaborazione con agenzie SEO di scarsa qualità, che semplicemente duplicano il contenuto di altri siti Web, ritenendo che i loro clienti non si prenderanno mai il disturbo di fare ricerche o di verificare l'unicità del contenuto. In questo caso, i tuoi scrittori devono scrivere contenuti originali al 100% per sostituire descrizioni, articoli e post non validi di copia e incolla sul sito per recuperarli nelle grazie di Google e rinnovare la crescita delle classifiche.

Sovraccarico di parole chiave

Eliminare il numero eccessivo di parole chiave dal contenuto del sito, dai metatag, dagli attributi ALT dell'immagine, dalle intestazioni, persino dall'URL del sito e delle pagine è un'attività meticolosa seguita da un'altra meticolosa attività di inserimento del corretto rapporto delle frasi chiave nel testo. In molti casi, Semalt ha dovuto creare un kernel semantico completamente nuovo per dare al sito un nuovo inizio. A volte, alcune parole chiave possono essere recuperate dal vecchio kernel semantico (ammesso che ce ne sia uno), ma per lo più tutto deve andare.

Altre misure

Rimuovere le principali cause di penalità di Google non è mai abbastanza per il pieno recupero. È una fase di sanificazione essenziale, dopo la quale deve seguire una fase di approfondimento in loco e fuori sede:

  • Costruendo collegamenti. Anche quando i backlink non sono validi, il sito è ancora indebolito dalle classifiche perse, quindi ha bisogno di tutto il supporto di vecchie autorità che può ottenere.
  • SMM. L'attività sui social media porta un forte impulso al traffico e al grado di fiducia del sito, e questo è qualcosa di cui un sito penalizzato ha fortemente bisogno. Una campagna ben sviluppata per Twitter, Instagram o Facebook contribuirà a migliorare il sito e fornirgli visitatori fedeli.
  • Ricostruzione completa del vecchio sito. Devi farlo, per rimuovere completamente i problemi tecnici e gli errori commessi dai "professionisti" SEO black hat. A volte il danno è troppo esteso, quindi la ricostruzione del sito diventa l'opzione più sicura che garantisce che non vengano visualizzati errori o problemi.
  • Campagne di marketing online. Quando Google ritiene il tuo sito non affidabile, il tuo dovere diretto è riconquistare tale fiducia. È necessario diffondere la consapevolezza del sito e del suo prodotto.
  • Non avere le tue speranze. Tutti questi passaggi garantiscono che il tuo sito Web tornerà in forma. Tuttavia, non garantiscono che lo faranno rapidamente. Non aspettarti risultati tangibili tra una o due settimane: rimarrai deluso.

Sbarazzarsi delle conseguenze del divieto di Google ti richiederà mesi e mesi di duro lavoro, backlink e analisi di nicchia, manutenzione e supporto prima di poter dire con orgoglio: "Ce l'abbiamo fatta!".

Tuttavia, è ancora possibile alla fine. Inoltre, tutte le cose buone valgono la lotta, no?